Associati

Associati “Crucis splendor”

All’Istituto “Apostoli di Gesù Crocifisso” possono essere associati tutti coloro che, pur rimanendo nel mondo nelle loro posizioni sociali, intendono accettare e condividere le finalità dell’Istituto. Costoro, superato l’anno di formazione spirituale e di addestramento pratico-pastorale, emettono la promessa di integra vita cristiana e di apostolato della preghiera e del sacrifico, in quanto compatibile alla loro condizione. (art.1 Statuto) Ci sono alcuni però, che intendono impegnarsi con Voti privati di Castità, obbedienza, e povertà pur rimanendo nel proprio ambiente e nelle abituali condizioni di vita. Queste persone, che vivono nel proprio ambiente una autentica vita consacrata, vengono considerate come membri in senso largo. (art. 2 Statuto) Essere associati giova anzitutto, perché ognuno possa compiere meglio la propria missione nel mondo. Nulla vien loro tolto e tanto meno vengono distolti dai loro compiti e mansioni che occupano in società; anzi la loro vita vien maggiormente potenziata ed arricchita spiritualmente. (art.7 Statuto ) In tal modo gli Associati, impegnati a compiere in maniera cosciente ed attenta i loro doveri verso Dio, il prossimo e se stessi ed a rendere tutta la vita un sacrificio di lode ed un olocausto di amore al Signore, suscitando anche negli altri uguale offerta, contribuiscono in maniera efficace all’avvento del Regno di Cristo in terra e nello stesso tempo sono per l’Istituto la miglior cornice, che da loro riceve maggior risalto, luce, forza e diffusione. (art. 8 Statuto) Il nostro Istituto si preoccupa di avvicinare ed impegnare simili anime, per utilizzare nel mondo valori e talenti veramente preziosi e per estendere a tutti la possibilità di offrire qualcosa al Signore per la salvezza delle anime. E, nello stesso tempo, l’Istituto offre anche agli Associati la possibilità di partecipare alle missioni al popolo ed a tutte le svariate iniziative di Misericordia Divina. (art. 10 Statuto)

1.Natura.

Gli Associati «Crucis Splendor», (ACS) sono tutti coloro che vogliono conoscere e vivere in maniera particolare la spiritualità e il carisma degli “Apostoli di Gesù Crocifisso”. Ad essi viene offerta una formazione umana, culturale e spirituale per condurli a vivere la loro vita fissando lo sguardo sullo splendore della Croce dalla quale rifulge il fuoco dell’eterno amore.

2. Finalità.

Il fine che l’Istituto si propone è di promuovere la gloria di Dio e la perfezione della carità nei suoi membri, imitando la vita e gli esempi di Gesù. In particolare l’Istituto si propone di formare dei cultori e degli animatori della preghiera e del sacrificio (cfr. art. 2. AJC). Gli Associati potranno far propria questa finalità vivendo una integra ed esemplare vita cristiana di apostolato della preghiera e del sacrificio, secondo il proprio stato di vita familiare e sociale, una vita santa, amando in modo particolare Gesù Crocifisso attingendo da lui la forza e la grazia di saper amare e far amare nel mondo la preghiera ed il sacrificio per elevarli ed offrirli a Dio. Mediante la loro preghiera ed i loro sacrifici potranno sostenere efficacemente il ministero pastorale del Papa, dei Vescovi, dei Sacerdoti e di tutti coloro che hanno responsabilità di guida verso le anime. (cfr. art.2. Ass. AJC).

3. Spiritualità.

La spiritualità degli ACS si fonda sull’amore particolare a Gesù Crocifisso, A Maria Santissima, e San Pio da Pietrelcina:
    a) La Spiritualità di Gesù Crocifisso consiste, appunto nell’amare e far amare Gesù Crocifisso per trovare e far trovare la forza di elevare a Dio in preghiera di lode e di salvezza la propria sofferenza. Scoprire e far scoprire nella preghiera e nel sacrificio la più grande arma di apostolato e di salvezza per le anime. (cfr. art. 3 AJC).
    b) La spiritualità Mariana consiste nel contemplare Maria Santissima nel mistero dell’Annunciazione, per disporci ad un costante e generoso “Ecce”, per pronunciare un generoso “Fiat”, con un pieno “Magnificat” (cfr. art. 3 AJC).
    c) La spiritualità di san Pio da Pietrelcina, il quale è esempio e modello di vita tutta imperniata sulla Parola di Dio, sulla preghiera e sul sacrificio. (cfr. art. 3 AJC).

La Caratteristica.

La caratteristica che contraddistingue gli Associati è la disponibilità totale a Dio, nell’ascolto della Sua Parola e nell’accettazione filiale della Sua Volontà, ed al prossimo bisognoso e sofferente. (cfr. art. 2 AJC). Mediante la disponibilità gli Associati impareranno a vivere una vita pienamente “misericordiosa, mariana e missionaria”.
    a) Misericordiosa: Gli Associati, attratti dall’amore al Crocifisso si sentiranno spinti a portare la divina Misericordia a tutti coloro che soffrono sollevandoli fisicamente, moralmente e spiritualmente. Per far questo l’Istituto propone ai membri Associati di:

  • Conoscere Dio e fare esperienza del Suo amore, che si è manifestato soprattutto sulla croce, per scoprire la propria identità.
  • Ritrovare convinzioni profonde e certezze nella fede;
  • Trovare risposte alle domande esistenziali dell’uomo;
  • Creare una civiltà dell’amore e della pace e una cultura della vita;
  • Testimoniare agli altri, la bellezza e la gioia di vivere coerentemente la fede in Cristo con i fratelli e nella Chiesa;
  • Celebrare la Festa della Divina Misericordia, preceduta dalla Novena alla Divina Misericordia;
  • Realizzare atti di misericordia, al fine di donare sollievo nelle sofferenze fisiche, morali e spirituali.
    • b) Mariana

  • Guardando alla disponibilità della Beata Vergine Maria gli Associati sono invitati a:
  • Imitare Maria Santissima nell’ascolto, nell’accoglienza e nel vivere la Parola di Dio.
  • Essere disponibili e mettere in pratica la volontà di Dio per la diffusione della sua Gloria e del suo Regno.
  • Pregare il Santo Rosario.
  • Onorare la Vergine Santa nelle varie devozioni approvate dalla Chiesa;
    • c) Missionaria Consapevoli che la vocazione cristiana è per sua natura chiamata all’apostolato (cfr. Apostolicam Actuositatem, 2), e alla missione, ciascun Associato deve:

  • Crescere nella responsabilità dell’annuncio del Vangelo in tutti gli ambienti della propria vita.
  • Conoscere, vivere e annunziare la Sapienza della Croce (cf 1Cor 1,18.24).
  • Impegnarsi per lo sviluppo delle missioni degli Apostoli di Gesù Crocifisso con varie iniziative.
  • Partecipare alla vita sacramentale della Chiesa (sacramento della Confessione e dell’Eucaristia);
  • Pregare in maniera personale e comunitaria, in particolare la Lectio Divina quotidiana.
  • Partecipare agli incontri di gruppo.
  • Organizzare varie forme di evangelizzazione sul piano personale e sul piano comunitario in tutti i campi della vita (cultura, volontariato, lavoro, sport, sano divertimento).
  • Partecipare attivamente alla vita comunitaria parrocchiale;
  • Collaborare con organizzazioni e movimenti, nazionali e stranieri, che svolgono un’attività in accordo con la dottrina della Chiesa.
  • Partecipare a una giornata mensile, chiamata di “comunione”, per tutti i membri del gruppo, che comprende i momenti di preghiera, di formazione, di scambio e se possibile, un pasto comune.
  • Partecipare, almeno una volta all’anno, ai ritiri organizzati per le rispettive sezioni.
  • Partecipare ai convegni organizzati dalle sezioni a livello diocesano o nazionale.
    • 5. Composizione. Gli Associati sono composti da membri ordinari, i quali vengono divisi per categorie secondo le fasce di età e i membri simpatizzanti.
        a) I membri ordinari sono:

      • I Seguaci del Crocifisso; (Cammino per gli adulti).
      • Famiglie unite in Cristo; (percorso per le coppie).
      • Gioventù Misericordiosa, Mariana e Missionaria; “GIM” (cammino giovanile).
      • Le Sentinelle, (Cammino per gli adolescenti).
      • I soldati del crocifisso, (Cammino per i bambini).
        b) I membri simpatizzanti sono tutti coloro che pur non legandosi con degli impegni all’Istituto, tuttavia decidono di vivere secondo lo spirito della nostra famiglia religiosa.