Apostolato

Ufficio Apostolato

E’ l’ufficio che coordina tutta l’attività apostolica dell’Istituto e ne raccoglie e distribuisce le informazioni. Il direttore è padre Andrew Maria Egbegolu missionario nelle Filippine negli ultimi 17 anni e ora chiamato per svolgere questa importante attività, strategica per tutto l’Istituto. Ad affiancarlo come vice direttore sarà padre Alberto Maria Kiambu. Il nostro apostolato segue idealmente i due raggi che scaturiscono dal Cuore di Gesù Misericordioso:

Apostolato specifico dell'Istituto

Ciascun Religioso, in forza della sua partecipazione alla natura sacramentale della Chiesa e alla sua duplice vocazione: alla santità e all’apostolato, abbia un cuore universale e sollecito ad ogni necessità e procuri di essere, secondo il proprio ruolo, segno e strumento dell'intima unione con Dio e della salvezza del mondo (cfr. MuR, 4).
  • Art. 87. - Gli "Apostoli di Gesù crocifisso con la professione dei consigli evangelici ricevuti nella Chiesa e dalla Chiesa, si legano al mistero e alla missione della Chiesa stessa: e, secondo la finalità e la spiritualità del proprio Istituto e nella misura delle proprie possibilità, sostengano tutte le iniziative e gli scopi che essa Chiesa si propone di raggiungere nei vari campi come in quello biblico, liturgico, dogmatico, pastorale, ecumenico, missionario e sociale (cfr. LG, 44bi PC, 2d).
  • Art. 88. - La vita degli "Apostoli di Gesù Crocifisso" è totalmente posta al servizio di Dio (cfr. PC, Sa) e della Chiesa (cfr. LG, 44). Per questo essi devono sentire l'obbligo di lavorare con impegno e diligenza per l'edificazione del Corpo Mistico di Cristo (cfr. CD, 33a; MuR, l4b).
  • Art. 89. - Gli Apostoli, convinti che la Chiesa particolare ,costituisce lo spazio storico nel quale la propria vocazione si esprime nella realtà ed effettua il suo apostolato, si tengano informati sullo stato attuale dell'azione pastorale e sul programma apostolico prestabilito nella diocesi, nella quale debbono prestare la loro Opera (cfr. MuR, 23 d; 4 7 )
  • Art. 90. - I Religiosi preferiscano, pertanto, le attività parrocchiali; collaborino con i parroci nell'esercizio del ministero pastorale; siano pronti e fedeli nel rispondere alle richieste e ai desideri dei Vescovi, secondo l'indole dell'Istituto stesso (cfr. CD,35, la), affinchè l'azione apostolica sia condotta nella comunione (cfr. can. 675, § 3) e sia resa più efficace.
  • Art. 91. - L'Apostolato specifico dell'Istituto consiste: nel portare la Parola di Dio ai gruppi, alle famiglie, alle singole persone e nelle Missioni al popolo;
  • nell'avvicinare con cuore disponibile tutti coloro che si trovano nella sofferenza fisica, morale e spirituale, per sollevarli ed elevare il loro dolore in preghiera a gloria di Dio ed a salvezza delle anime